it-ITen-US
Aromaterapia - come fare l'olio essenziale alla lavanda
Redazione
/ Categorie: GW BLOG, Benessere

Aromaterapia - come fare l'olio essenziale alla lavanda

Perchè la lavanda? Tutte le proprietà ed i benefici

Capita spesso di essere condizionati in ciò che facciamo a seconda dell'ambiente in cui ci troviamo: anche sul posto di lavoro, se siamo in uno spazio ben aereggiato e magari anche profumato, siamo automaticamente più produttivi. 

Allo stesso modo, in ambienti con odori non troppo gradevoli tendiamo ad essere più nervosi o irritati. 

Questo esempio è solo una semplice dimostrazione della relazione che esiste tra il nostro sistema olfattivo ed il nostro benessere ed è su tale relazione che si basa l'aromaterapia. 

Aromaterapia - utilizzo dell'olio essenziale

Cos'è l'aromaterapia

L'aromaterapia è un trattamento olistico che, sfruttando gli oli essenziali altamente concentrati e profumati estratti dai petali dei fiori e da altre parti delle piante, permette il raggiungimento di un elevato stato di benessere fisico, mentale ed emozionale.

Essenze ed oli non servono solo per profumare gli ambienti di casa o per la cura del corpo ma, secondo alcuni, avrebbero anche funzioni curative, fornendo reali benefici alla nostra salute grazie all'accesso agevolato al sistema nervoso che permette di agire non solo sull'umore, ma anche nella prevenzione di raffreddori, mal di testa, punture ecc...

I benefici dell'aromaterapia si ottengono utilizzando le essenze profumate a bassi dosaggi unitamente a fattori che facilitino il rilassamento sia attraverso la via respiratoria sia attraverso quella cutanea cioè a contatto diretto con la pelle tramite massaggi profumati o anche in aggiunta a bagni rilassanti in vasca. 

L'estrazione degli oli essenziali avviene sostanzialmente tramite un processo detto di "distillazione" in cui l'essenza profumata è trasformata in vapore che raffreddandosi si separa in acqua ed olio essenziale.

Perchè la lavanda si usa in aromaterapia

Come mai tra le fragranze più diffuse nei prodotti per la cura della persona e della casa che troviamo al supermercato la lavanda è omnipresente e perchè si usa in aromaterapia? 

La risposta è semplice: in natura, la lavanda con i suoi piccoli fiori viola o azzurri è una di quelle piante aromatiche sempreverdi che emana un profumo così intenso e coinvolgente tale da avere una sensazione di benessere immediato.

Aromaterapia - lavanda

Proprietà e benefici della lavanda

Già nota nell'antico Egitto per la mummificazione dei defunti ed al popolo etrusco, nell'epoca di Roma la lavanda era una pianta sacra alla dea Vesta e si riteneva che allontanasse energie negative in quanto rappresentava la purificazione del corpo e dello spirito. 

I romani, infatti, usavano i fiori di lavanda proprio a questo scopo e da qui il termine latino "lavandus" che significa lavare, oltre che per profumare le acque termali e per sfruttarne le proprietà benefiche. 

La lavanda ha molteplici proprietà di cui le più note sono quelle sedative ed ansiolitiche che operano sul sistema nervoso con un'azione distensiva rilassando corpo e mente e quindi rivelandosi molto efficace per problemi di insonnia, depressione, stress, ansia e nervosismo. 

Altre proprietà importanti sono quelle antisettiche, disinfettanti ed antinfiammatorie per lenire punture, scottature ed arrossamenti della pelle.

Aromaterapia - sacchettini con fiori di lavanda

Modalità di utilizzo della lavanda

La lavanda è una pianta altamente versatile ed impiegata in molteplici modalità. 

Essendo commestibile è, per esempio, usata in cucina principalmente per fare tisane dal potere calmante o grazie alle sue proprietà repellenti è impiegata per tenere lontani insetti quali zanzare e mosche o ancora è utilizzata come profumabiancheria in sacchettini contro le tarme nei cassetti e negli armadi della nostra casa.

Un altro settore in cui vi è l'impiego della lavanda, come già detto, è quello dell'aromaterapia tramite estrazione di oli essenziali dalle sue piante.

Quando raccogliere la lavanda

Fortunatamente la lavanda è una pianta che può essere coltivata in vaso, quindi potete averla anche se non disponete di un giardino ma solo di un piccolo balcone.

In genere, la semina della lavanda avviene in primavera e la fioritura si ha durante i mesi estivi per cui la raccolta dei fiori è indicata durante i mesi di Luglio ed Agosto.

Aromaterapia - olio essenziale alla lavanda

Come fare l'olio essenziale di lavanda

Per creare l'olio essenziale di lavanda fatto in casa occorrono:

  • 200 ml di olio extravergine di oliva
  • 10 gr di fiori secchi di lavanda (20 gr se freschi)
  • 1 busta piccola di plastica trasparente
  • 1 barattolo di vetro trasparente pulito e ben asciutto
  • 1 garza
  • 1 elastico
  • 1 passino per filtrare
  • 1 imbuto
  • 1 barattolo di vetro scuro

Preparazione:

  1. Mettete i fiori di lavanda nella bustina di plastica trasparente e con un oggetto pesante schiacciateli e tritateli per favorire la fuoriuscita dell'essenza.
  2. Versate l'olio extravergine d'oliva nel barattolo di vetro evitando di arrivare all'orlo, quindi versate i fiori tritati dalla busta di plastica nel barattolo e mescolate.
  3. Coprite il barattolo con la garza e fissatela a copertura del barattolo con un elastico senza mai chiudere il barattolo con il tappo.
  4. Lasciate riposare possibilmente al sole o comunque in un luogo caldo e asciutto per 3 settimane, quindi procedere al filtraggio utilizzando un passino e schiacciando i fiori per liberare più principio attivo.
  5. Tramite un imbuto, versare l'olio essenziale di lavanda filtrato nel barattolo di vetro scuro e conservatelo in un luogo fresco ed asciutto. Esso manterrà le sue proprietà per circa 8 mesi.
Stampa
428 Rate this article:
No rating

Please login or register to post comments.

Impostazioni Privacy

Modifica
Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2019 by Green Whereabouts
Back To Top